Recensione di “The Lost Boy” di YBN Cordae

La cosa che ho più apprezzato nel rap è aver scoperto artisti tramite le citazioni di altri artisti. È una pratica comune e giustissima che aiuta questa cultura a sopravvivere, trasmettendo knowledge.

Scorrendo le storie di Tormento mi imbatto in questo giovane, classe ’97 : premo play e l’anacronistico “Lost boy ” si apre con “Wintertime”, brano dai sample di fiati e piano retro’ azzeccatissimi, con YBN Cordae che da una bellissima prova delle sue capacità nel rap e nel canto.
Il disco oscilla tra queste tre cose in maniera piacevole : canto , rap e beat, come deve fare un disco hip hop . La traccia due, “Have Mercy”, fa un salto in avanti nel tempo con batterie trap, con il disco che poi torna indietro sui sample con “Bad Idea ” e il contributo di Chance the rapper a sigillare una dolcissima canzone. Subito dopo, con “Thanksgiving” e “RNP” con Andeerson Paak, il groove prende possesso dell’album per qualche episodio . Si sente che il ragazzo ha ascoltato tanto hip hop e sa bene come farlo, le due cose coesistono da sempre.

YBN sembra più incazzato in “Broke as fuck ” , che ricorda col sound il rap mainstream dei primi anni 00 senza però scimmiottare la cosa, anzi, lo prende e lo fa suo, o almeno questo è quello che mi trasmette . Troviamo nomi altisonanti come Ty Dolla $ign , Pusha T , Meek Mill all’interno della tracklist e tutti danno il loro bel contributo , Cordae non soffre la presenza di nessuno e risulta sempre all’altezza .

“Lost boy ” ha tutto quello che serve : il rap , il soul , il canto : la rabbia , l’R & B , gli strumenti vivi e i sample. I cori stupendi in “Family Matters ” con Arin Ray e un ritornello quasi reggae che compare in “We gon make it” che calza a pennello.
Un lavoro fatto a regola d’arte che merita assolutamente un ascolto , un giovane come lui che sforna un disco di questo gusto e livello va assolutamente apprezzato.

PrecedenteRecensione di "So Much Fun" di Young ThugSuccessivoRecensione di "Sangue e Amore" di Esa e Skizo