METAL CARTER, IL VIDEO DI “THE LIFE TAKER” 3 ESTRATTO DEL SUO ALBUM SLASHER MOVIE STILE E’ DISPONIBILE SU YOUTUBE!

Dopo “Doccia Di Sangue” e Pagliaccio Di Ghiaccio Parte 3″ arriva il terzo videoclip ufficiale estratto da “Slasher Movie Stile” (3 Tone/Thaurus/Believe/Ottobre 2018).Si tratta di “The Life Taker” impreziosita dallo skit iniziale di Noyz Narcos “Death Cult”. Il brano in questione è l’opening track dell’album e parte subito dopo l’intro (Feat. Dj Craim). È un banger, potente e epico … assolutamente perfetto come primo brano per un’album come “Slasher Movie Stile”. Altre parole non servono … facciamo parlare musica e immagini!!”LINK VIDEO:
https://m.youtube.com/watch?v=WEUXC4z94_M


BIOGRAFIA

Metal Carter cresce ascoltando hardcoreheavy metal (da qui mutuerà il suo nome d’arte) e hip hop. Si affaccia alle scene musicali nei primi anni Novanta, in particolare quella del metal estremo, suonando la batteria per le band death metal Enthralment (poi Corpsegod e poi ancora Corpsefucking Art) e Sepolcurm (poi diventati la band thrash metal VII Arcano). La passione per il rap inizia a 16 anni, ad un concerto al Brancaleone (un locale di Roma), dove ascoltò un freestyle di Danno di 40 minuti e un live del gruppo Losco Affare (che poi si sciolse) composto da Gufo Supremo (poi Supremo 73) e Benetti DC (all’epoca Guzz One), che presentavano il loro demo B-Boy a tempo pieno.

Nei suoi testi Metal Carter esprime il disagio interiore e la violenza in un continuo alternarsi tra esaltazioni di atteggiamenti borderline. Membro dei Truceboys, con i quali pubblica l’EP eponimo (2000) e l’album Sangue (2003), nel 2005 il rapper si propone per la prima volta in veste solista con l’album La verità su Metal Carter, che lo rende noto a livello nazionale. L’anno seguente è stata la volta dell’album I più corrotti, inciso in collaborazione con Gel, suo collega nel TruceKlan.

Il 2007 è l’anno di Cosa avete fatto a Metal Carter?, album che l’artista considera più personale e più maturo a livello metrico e tematico. Nel 2008 Metal Carter pubblica il suo quarto disco da solista, Vendetta privata, che continua a seguire il filone tematico tracciato dai lavori precedenti. Questo disco tocca un lato più oscuro e introspettivo dell’artista, elaborando tematiche crude, già presenti nei dischi precedenti. Lo stesso anno Metal Carter partecipa al mixtape Ministero dell’inferno, realizzato dal TruceKlan, con diverse tracce. A marzo 2011 esce Società segreta in collaborazione con Cole e Giorgio Tricoli, l’album è stato presentato al Brancaleone, a segue nel maggio 2011 il singolo Undead, che doveva far parte dell’album Klan Related (B.B.C.), con video (regia di Matteo Swaitz).

Tra il 2011 e il 2013 Carter pubblica i videoclip dei brani Dimensione violenzaWays e Magnatesta (quest’ultimo brano realizzato in collaborazione con i Giudafellas); tutti e tre i brani sono estratti dall’album Dimensione violenza, uscito il 3 giugno 2014. Nello stesso periodo, il rapper propone due raccolte contenenti le sue migliori strofe: Master of Pain 2003-2013 e Master of Pain II 2003-2014.

Nel 2016 è stata la volta del quinto album da solista Cult Leader, pubblicato dalla Glory Hole Records.[1] L’album ha visto la partecipazione di numerosi elementi di spicco della scena hip hop italianaFabri FibraEgreenTormentoMadMan oltre ai collaboratori storici Noyz Narcos e Gemello del TruceKlan. Come spiegato dall’artista stesso, il nome dell’album è un tributo ad una canzone dei Non Phixion ed è inoltre correlato ad una frase che ha sentito pronunciare spesso ai propri fan quando li incontrava per strada: “Carter è culto”.[2]

Nel 2018 Carter annuncia l’uscita del sesto album da solista Slasher Movie Stile. Dall’album sono stati estratti i singoli Doccia di sangue e Pagliaccio di ghiaccio, pt. 3. Il videoclip di quest’ultimo brano ha suscitato scalpore per la sua crudezza.

Precedente"Zero Filler Freestyle": Riccardino prepara il terreno per il nuovo singoloSuccessivoFred De Palma: annuncia il suo nuovo album "UEBE" in uscita il 13 settembre sulla scia del successo del singolo "Una volta ancora"

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.