Al rap servono i 40 pezzi di Kanye West e Young Thug

Una strofa di Young Thug che parla del diavolo su un disco chiamato “Jesus is King” di Kanye West, questo è quello che il futuro dovrebbe riservarci. I 40 pezzi promessi di Young Thug e Kanye West insieme avrebbero potuto rivoluzionare il rap?

Sperando che “Jesus is King” non si trasformi in pochi mesi solo in un meme, come fu per “Yandhi”, sono curiosissimo di sentire quali saranno i suoni e le tematiche che Yeezy ha portato su questo attesissimo disco. Kanye è stato forse il rapper più influente di tutti i tempi, distruggendo prima il gangsta rap con campionamenti, voci e un attitudine totalmente innovativa nei suoi album “The College Dropout” e “Late Registration”, portando al rap la tendenza di parlare di problemi personalissimi con autotune e bassi 808 con “808s and Heartbreaks”, portando la moda al centro del mondo hip hop con la sua collezione Yeezy e rivoluzionando il marketing del rap con la sua etichetta G.O.O.D. Music.

In ogni album Kanye ha realizzato dei piccoli capolavori e delle grandi innovazioni di cui il rap gli è ancora grato, così come Young Thug. Il rapper di Atlanta è stato il rapper più influente nel mondo della trap, portando sentimenti più giocosi e divertenti in una musica che non era nata con quello scopo, introducendo nuove parole che sono ora molto usate come “Slatt”, “Slime” e “Drip”, creando tutto l’immaginario del trapper vestito stretto e di marca, pieno di contanti e armato. Musicalmente Young Thug ha introdotto, inoltre, un nuovo modo di usare le tonalità di voce e il flow che ora è imitatissimo.

40 pezzi di Kanye West e Young Thug insieme, due dei più grandi rivoluzionari musicali del ventunesimo secolo che uniscono le forze. Chissà cosa può essere contenuto in quei pezzi, che potrebbero far nascere addirittura nuovi sottogeneri e sicuramente influenzare pesantemente il rap già presente. Probabilmente quei 40 pezzi non usciranno mai ma nel 2016, con i G.O.O.D. Fridays, abbiamo sfiorato questa possibilità. Come sarebbe oggi il rap se quei pezzi fossero usciti non lo sapremmo mai, ma sono sicuro che la qualità e l’avanguardia di quelle canzoni le renderebbe pubblicabili anche oggi, a 3 anni di distanza dalla loro realizzazione. Per Natale potreste farcelo un regalino…

Articolo di Matteo Pinamonte https://www.instagram.com/pinuch23/

Precedente"Haram": Rayan racconta la sua Palestina nel suo nuovo singoloSuccessivo3 Milioni, il nuovo singolo di Pepe e Mido

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.